×

Messaggio

EU e-Privacy Directive

This website uses cookies to manage authentication, navigation, and other functions. By using our website, you agree that we can place these types of cookies on your device.

View Privacy Policy

View e-Privacy Directive Documents

You have declined cookies. This decision can be reversed.

Le ditte che intendono effettuare le procedure di recupero dei rifiuti in regime di autocertificazione secondo i limiti previsti dalla legge [le prescrizioni, le modalità operative ed i requisiti necessari per operare sono fissati da standard ministeriali contenuti nel DM 05.02.1998 e smi, per i rifiuti non pericolosi, e nel DM 161 del 12.06.2002, per i rifiuti pericolosi] dovranno presentare Comunicazione di avvio di attività di recupero rifiuti in procedura semplificata ai sensi degli artt. 214-216 del D.Lgs. 152/2006 nella quale dichiarano le modalità e i quantitativi che intendono trattare (entro i limiti imposti dalla legge).

 

La comunicazione dovrà essere inviata tramite Sportello Unico Attività Produttive SUAP competente, del Comune in cui è ubicato lo stabilimento, tramite apposita modulistica [in accordo con quanto previsto del Decreto del Presidente della Repubblica 13 marzo 2013, n. 59].

 

Come previsto dalla legge, decorsi i 90 giorni dalla presentazione della domanda (escluso il tempo di interruzione del procedimento per eventuale richiesta di integrazioni alla documentazione presentata) le ditte risultano iscritte al Registro Provinciale di Recupero Rifiuti, anche in regime di silenzio-assenzo, e possono iniziare le attività di recupero dei rifiuti.

L’iscrizione è valida 5 anni stante il pagamento annuale del diritto di iscrizione secondo le tabelle ministeriali.

 

La presentazione della comunicazione/integrazione/rinnovo o altro, va effettuata utilizzando i moduli predisposti ed allegando tutta la documentazione prevista.

 

La mancata presentazione della domanda di rinnovo prima della scadenza comporta la cancellazione dell’iscrizione per l’attività di recupero, e la sua riattivazione richiede una nuova comunicazione di inizio attività.

Tenuto conto che il termine istruttorio di 90 giorni previsto dall’art. 216 del D.Lgs. 152/06 è applicabile anche alle comunicazioni di rinnovo, affinché si possa utilmente formare il silenzio–assenso è opportuno che la comunicazione di rinnovo pervenga almeno novanta giorni prima della scadenza.

 

Secondo quanto previsto dal D.P.R. n.59/2013, il soggetto che richiede l’iscrizione nel Registro provinciale delle imprese che effettuano operazioni di recupero di rifiuti o il suo rinnovo, può optare per l’ottenimento dell’Autorizzazione Unica Ambientale che ha durata di 15 anni.

 

Nel caso in cui oltre alla comunicazione di cui all’articolo 216 del DLgs. n. 152/2006, deve essere richiesta o l’autorizzazione agli scarichi di cui al Capo II del Titolo IV della Sezione II della Parte Terza del DLgs. n. 152/2006  o l’autorizzazione alle emissioni in atmosfera per gli stabilimenti di cui all’articolo 269 del DLgs. n. 152/2006  o entrambi le autorizzazioni il soggetto richiedente è obbligato  a presentare la domanda di Autorizzazione Unica Ambientale (AUA).

 

Modulistica

In base al D.P.R 59/2013, art.3 comma 3 sono previste due modalità di presentazione della “comunicazione di inizio attività”:

  • presentazione della “comunicazione di inizio attività” in modalità autonoma;

  • presentazione della “comunicazione di inizio attività” quale endoprocedimento dell’Autorizzazione Unica Ambientale.


In entrambi i casi la domanda può essere predisposta secondo la modulistica scaricabile da http://www.suap.toscana.it/sportelli-suap.COSTI

Diritto annuale di iscrizione

 

Pagamento diritti di iscrizione annuale

 

Il pagamento per i diritti di iscrizione al “Registro di Recupero dei rifiuti in procedura semplificata” dovrà essere effettuato entro il 30 aprile di ogni anno mediante bonifico bancario sul conto corrente intestato alla Provincia di Prato presso:

 

Banca Intesa San Paolo

IBAN: IT 49 U 03069 21 531 10000 0046 013

CAUSALE: Diritto iscrizione annuale XXXX registro recupero rifiuti <Nome Ditta>– Art 216 del D.Lgs 152/06”.

 

La validità dell’Iscrizione al Registro è subordinata al pagamento del diritto annuale di iscrizione; nel caso non dovesse pervenire il pagamento entro i termini indicati l’iscrizione è sospesa ai sensi del D.M. n. 350 del 21/07/1998, art. 3 comma 3.

 

Ai sensi del D.M. n. 350 del 21/07/1998, l'ammontare del diritto di iscrizione annuale da versare dovrà essere calcolato in base alla quantità annua di rifiuti trattati, sulla base della tabella di seguito riportata:

 

Classe di attività

Quantità annua di rifiuti (tonnellate)

Diritto di ISCRIZIONE(€)

Classe 1

≥ 200.000

774,69

Classe 2

≥ 60.000 e < 200.000

490,63

Classe 3

≥ 15.000 < 60.000

387,34

Classe 4

≥ 6.000 < 15.000

258,23

Classe 5

≥ 3.000 < 6.000

103,29

Classe 6

< 3.000

51,65